head-storia

STORIA

Una grande volontà di progresso: economico, produttivo ed umano

 

La storia di una passione. Di una grande volontà di progresso: economico, produttivo ed umano. Nasce con questi nobili presupposti la storia di Cooperativa Ceramica d’Imola, la più antica Cooperativa di Produzione e Lavoro d’Italia.

Più di un secolo di tradizione ceramica caratterizzata dall’incontro tra storia e cultura, siglata con la cessione ai suoi operai nel 1874 – ad opera di Giuseppe Bucci – della propria fabbrica di stoviglie e maioliche, per contribuire al “progresso dell’industria e al miglioramento economico dei lavoratori”.

La stessa passione porta verso la fine dell’800 all’apertura della Sezione Artistica e all’ingresso ufficiale dell’azienda Imolese nel mercato internazionale in seguito alla partecipazione all’Esposizione di Torino, fortemente voluta dal Direttore Artistico Gaetano Lodi.

Qualità materica, freschezza dei colori e dei decori diventano da subito il marchio di fabbrica di Cooperativa che entra nel ‘900 da autentica protagonista, avviando la produzione delle piastrelle come attività primaria. Avanguardie storiche, nuove istanze estetiche, artigianali e tecnologiche vanno così ad integrarsi ed arricchire la gamma dei prodotti, portando all’inevitabile ampliamento degli stabilimenti: una vetreria di fine ‘800 verrà convertita, grazie ad un grande progetto di recupero architettonico, in nuovo stabilimento di produzione ceramica, esempio ancora oggi di archeologia industriale e sede attuale del Museo, della Sala Mostra e della Bottega.

La_Storia
storia
vittorio-emanule
ccimola-storia

Anche il Re d’Italia Vittorio Emanuele III visiterà Cooperativa Ceramica d’Imola, testimoniando – come in seguito faranno molte altre figure istituzionali e del mondo dell’arte – la raggiunta notorietà nazionale dell’Azienda Imolese, sinonimo nei decenni a seguire di sensibilità artistica magistralmente fusa ad un innovativo spirito imprenditoriale. Spirito che contraddistingue i traguardi ottenuti sin dai primi anni ’90, periodo segnato da altri significativi sviluppi: il varo della nuova sede caratterizzata dalla volontà di unire tradizione ed innovazione e l’acquisizione di due nuove società, I.C.F. nel 1991 e Leonardo 1502 nel 1993.

Forte di una portata tecnologica in costante aumento, Cooperativa Ceramica d’Imola raggiunge negli anni 2000 i vertici produttivi del suo settore, soddisfacendo le nuove richieste dei mercati esteri e diventando in pochi anni un punto di riferimento internazionale nella ceramica innovativa di alta qualità.

 

Oggi nei suoi stabilimenti vengono progettate e prodotte nuove sofisticate soluzioni per l’edilizia come i grandi formati, ma anche soluzioni rivolte al settore domestico, urbano e industriale vengono rispettate – attraverso sistemi certificati di gestione qualitativa – le norme ambientali, nonché avviati nuovi processi ecologici.

E ancora oggi, divenuto uno dei più grandi Gruppi internazionali di settore, vera e propria firma del più sofisticato Made in Italy nel mondo, Cooperativa Ceramica d’Imola sa ispirarsi alla stessa passione, alla stessa filosofia che ha segnato la sua nascita:

salvaguardare e promuovere il lavoro ed il progresso come beni fondamentali dell’individuo.